Continua la sequenza di scosse sismiche lungo la costa, a largo e nell’entroterra marchigiano.

L’ultima di una certa importanza è quella di magnitudo 3.2, registrata alle 9.57 a largo di Fano a 4 km di profondità. Le altre scosse nelle 24h oscillano tra i valori di 2.8 e 2.1 di magnitudo.

Intanto le verifiche dei Vigili del fuoco, su edifici pubblici e privati, hanno al momento certificato l’inagibilità di una cinquantina di edifici.

In tutto sono circa 750 gli edifici marchigiani che hanno subito danni per la gran parte in provincia di Ancona.

Print Friendly, PDF & Email
© Copyright - OFFIDA.info