Peppina, una vergogna impossibile da tacere

“Eravamo sicuri di poter trovare una soluzione i familiari hanno avuto tutte le rassicurazioni e la signora potrà restare nella struttura provvisoria che ha realizzato”. Con questa dichiarazione dell’assessore regionale Angelo Sciapichetti, avevamo chiuso il precedente articolo sull’incredibile vicenda della signora Giuseppa Fattori, Peppina per tutti, sfrattata dalla sua casetta di legno edificata su terreno di sua proprietà. Dopo le garanzie date alla signora, terremotata, di poter restare, ecco la doccia fredda con la decisione presa dal Tribunale del Riesame di Macerata, che ha respinto il ricorso presentato dalla 95enne rimasta senza tetto in seguito al terremoto che ha devastato il Centro Italia. La permanenza dell’anziana sarebbe un reato di abuso edilizio “perché sprovvista dell’autorizzazione paesaggistica”. Tutto questo mentre vengono scoperte le prime malefatte che purtroppo seguono le ricostruzioni post sisma in Italia, come le false residenze o danni inesistenti agli immobili. Una vergogna impossibile da tacere.
(ap)

© Copyright - OFFIDA.info
Condividi:

Author: Offida.info

https://www.offida.info/alberto-premici-2/