Le malattie gastroenterologiche hanno un impatto importante sulla salute pubblica e sui costi del sistema sanitario; esse infatti rappresentano una delle più importanti cause di morte nella popolazione generale e sono tra le prime cause di ospedalizzazione.

L’endoscopia digestiva è uno strumento diagnostico indispensabile per lo studio delle malattie gastroenterologiche. Consente sia di individuare e tipizzare le patologie benigne, sia di prevenire, sorvegliare e, in alcuni casi, curare quelle maligne.

Il cancro del colon-retto, in particolare, rappresenta nei paesi occidentali il secondo tumore maligno per incidenza (numero di nuovi casi all’anno), con un trend in preoccupante aumento.

Negli anni l’endoscopia digestiva si è spinta sempre di più verso tecniche operative per trattare sia patologie benigne che maligne, con metodologie mini-invasive, evitando così ai pazienti interventi chirurgici molto più demolitivi.

La presenza di un’unità di endoscopia digestiva interventistica risulta dunque fondamentale per diagnosticare e trattare quelle patologie gastroenterologiche che altrimenti verrebbero gestite in maniera molto più invasiva con aumentati tassi di morbidità e mortalità per i pazienti e con un aggravio di costi organizzativi per la sanità pubblica.

Il dott. Filippo Antonini sarà operativo presso l’Ospedale “C. e G. Mazzoni” di Ascoli Piceno dove si avvarrà, tra gli altri, della competenza e professionalità del dott. Ottorino Rosati; inoltre manterrà una partnership attiva sia con la Gastroenterologia di Fermo, dove continuerà ad operare per eseguire personalmente esami endoscopici di elevata complessità, sia con la Gastroenterologia di San Benedetto del Tronto, diretta dalla dott.ssa Margherita Sorge, dove eseguirà procedure endoscopiche operative, nell’ottica di una rete funzionale che ottimizzi la gestione dei pazienti dell’Area Vasta 5 affetti da patologie gastroenterologiche.

Print Friendly, PDF & Email
© Copyright - OFFIDA.info