Riceviamo e pubblichiamo la replica del delegato RSA USB, Mauro Giuliani, al comunicato della Direzione AV5, del 26 u.s.

“USB Ascoli Piceno e la delegazione RSU con i suoi 4 delegati eletti con USB, prendono atto che il neo Direttore Area Vasta 5 è “ostaggio” di cgilcisleuil che, sembrerebbe, gli scrivono i comunicati e che il suo ruolo sarebbe altro, ma tant’è, che la smentita nulla toglie alle problematiche poste in trattativa dal delegato rsu di usb a nome dei 4 delegati RSU USB, eletti dai lavoratori, che siamo contenti che il DG si presti a dare interpretazione autentica del pensiero del coordinatore rsu, che non è posizione della RSU dato che la RSU (Organo autonomo e eletto dai lavoratori), non è stata convocata dal 7 dicembre e pertanto non può quindi il Coordinatore rappresentare la posizione RSU che non ha mai assunto a seguito di confronto, ma esattamente esprime la sua singola posizione tale e quale al delegato RSU_USB USB e i lavoratori tutti ci auguriamo che, se le nostre denunce hanno trovato così largo consenso, siano al più presto risolte.

Capiamo che gli altri sindacati si trovino in difficoltà quando c’è un sindacato come USB che da anni denuncia le carenze d’organico, la mancanza di sicurezza dei lavoratori, la precarietà dei  lavoratori, la poca trasparenza nell’utilizzo delle risorse e dei fondi Contrattuali dei lavoratori….e questo solo nel 2021 ha portato USB ha indire due stati di agitazione….(Marzo e Settembre).

L’Azienda e ex direttore hanno preferito fare scena muta e non dare risposte ai lavoratori…..il direttore se n’è andato….ora è arrivato un neo direttore……che ha in meno di un mese:

1) permesso di assistere pazienti Covid in reparti puliti mettendo a rischio degenti e lavoratori;

2) non erogato in busta paga di gennaio le indennità dovute da contratto ai lavoratori (USB le ha inviato Diffida e lei non ha risposto) … nell’incontro di oggi pomeriggio 27/1/2022 ci auguriamo che ci comunichi il pagamento delle indennità dovute….e negate illeggittimamente ai lavoratori

3) chiuso un reparto pulito con 24 posti letto diminuendo pertanto l’offerta della sanità pubblica nel territorio Piceno.

USB continuerà a rappresentare le problematiche dei lavoratori a cui vengono negati da troppo tempo diritti contrattuali sicurezza, e continueremo a denunciare all’opinione pubblica e ai vertici regionali la carenza dell’offerta e della qualità della sanità pubblica…. ed è per questo che domani 28 gennaio USB nella giornata di sciopero sanità nazionale, ha indetto Presidio davanti Ospedale Mazzoni dalle ore 11.

F. to USB (il Sindacato che c’è e non ci fa) – USB Av5 USB Marche PI”.

(red)

Print Friendly, PDF & Email
© Copyright - OFFIDA.info