Maltempo, anche domani allerta gialla nelle Marche

Un minimo depressionario in quota, posizionato sull’Italia centrale, si sposta lentamente verso Sud-Est, causando condizioni di diffusa e spiccata instabilità su gran parte delle regioni del Centro-Sud.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile.

L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, martedì 4 agosto, il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere temporalesco, sull’Emilia-Romagna, specie settore sud-orientale.

Dal tardo pomeriggio di oggi si prevedono inoltre precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni in atto e previsti, è stata valutata per la giornata di domani, mercoledì 5 agosto, allerta GIALLA su alcuni settori di Emilia-Romagna, Lazio, Calabria e su tutto il territorio di Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Puglia.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile, insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. (Protezione Civile)

Print Friendly, PDF & Email
© Copyright - OFFIDA.info
Condividi: