Lo chef offidano Di Girolami tra i finalisti del Premio Maculan

di Alberto Premici – “L’amaro, il salato, la grassezza possono stimolare nuovi abbinamenti e aprire nuove frontiere eno-gastronomiche. Un Premio quindi al giovane chef, che saprà creare il miglior piatto, diventando esempio e stimolo di ulteriori elaborazioni per altri colleghi”.

E’ questo in sintesi il Premio Maculan, verso il quale cresce l’attesa per conoscere chi, dei quattro finalisti scelti tra 50 concorrenti, si aggiudicherà l’ambito riconoscimento.

Tra loro lo chef offidano Gianmarco Di Girolami di Blob Caffè & Ristorante, che presenterà una stimolante e ricercata ricetta, dal titolo “Il Piceno incontra Maculan: lombo di agnello dei Sibillini, bietola carciofi di Montelupone con spuma di topinambur all’anice verde di Castignano e gocce di alici di San Benedetto del Tronto”, abbinata al Torcolato 2012 Maculan.

Gli altri agguerriti contendenti sono Simone Gottardello chef del Ristorante Evo a Bardolino con il piatto “Composizione di gambero rosso, maialino e agrumi” abbinato al Passito i Capitelli 2015 Cantina Anselmi; Andrea Nardin chef del ristorante Antico Veturo a Trebasleghe con il piatto “Anguilla al BBQ, caprino, carota allo zenzero e uovo di quaglia al fieno bruciato” abbinato al Riesling Auslese 2011 di Helmut Gangl; Federico Pettenuzzo chef patron del ristorante La Favellina a Malo che proporrà “ Scena di caccia riso ai frutti rossi e capriolo marinato alle spezie” accompagnato a Torcolato 2013 Maculan.

La selezione delle ricette finaliste in gara è stata a cura di Nicola Portinari, Luigi Costa e Fausto Maculan e saranno valutate da una giuria di esperti, attraverso cinque parametri: creatività della proposta, esecuzione, presentazione del piatto, armonia gustativa, abbinamento al vino.

La finale è alle 20.00 di lunedì 26 marzo 2019, quando si accenderanno i fornelli e i quattro finalisti avranno 30 minuti ciascuno per preparare la loro ricetta, di fronte ad una giuria di esperti dell’enogastronomia, presieduta dallo stesso Nicola Portinari, chef del ristorante due stelle Michelin La Peca di Lonigo. Al vincitore verrà donata, tra l’altro, una un’opera realizzata dall’artista friulano Giulio Menossi, celebre per i suoi mosaici.

© Copyright - OFFIDA.info
Condividi: