COCCI GRIFONI FESTEGGIA IL ROSSO PICENO SUPERIORE

Ad agosto 2008 ricorrono esattamente 40 anni da quando la denominazione di origine controllata Rosso Piceno è stata riconosciuta ed è stato stabilito il disciplinare che consente la produzione di questo vino solo all’interno dell’area della provincia di Ascoli Piceno. Una data ancora più importante per la Tenuta Cocci Grifoni, che lega la sua nascita al primo imbottigliamento dell’annata 1969 del Rosso Piceno Superiore DOC. Il 1970, infatti, tiene a battesimo le prime bottiglie di Rosso Piceno Superiore, vino mai prodotto prima nei 13 comuni sanciti dal disciplinare. Il Rosso Piceno Superiore nasce da un blend che combina Montepulciano e Sangiovese, l’etichetta che rappresenta nel migliore dei modi questo disciplinare e incarna l’attenzione per la ricerca dell’eccellenza tipica della filosofia che da sempre contraddistingue la Tenuta Cocci Grifoni è Vigna Messieri. Questo vino, prodotto dalla Tenuta Cocci Grifoni soltanto nelle migliori annate, prevede un 70% di Montepulciano e il restante 30% di Sangiovese. L’attributo Superiore indica, secondo il disciplinare, un ulteriore periodo di affinamento in botte di rovere. Questo particolare maturazione fa sì che il Vigna Messieri si presenti alla vista con un colore rosso rubino intenso con lieve sfumatura granato; la sensazione olfattiva ricorda profumi di frutta secca, confetture e odori di spezie e a volte di erbe aromatiche. In bocca il sapore è intenso con un gusto secco, persistente, caldo, di corpo; sensazione gustative di radice fresca di liquirizia e cacao,con tannini austeri, ma setosi ben dosati e di grande eleganza.

La sua corposità lo rende ideale accompagnamento di piatti a base di carne. La sua complessità e la longevità ne fanno un vino fiero e nobile, adatto a un ulteriore invecchiamento in bottiglia che ne esprime appieno tutta la complessità. Dopo i 10 anni di invecchiamento si gusta come vino da meditazione. (Fonte: Presstudio)

www.tenutacoccigrifoni.it

Copyright © 2018 Offida.info, riproduzione riservata.
Condividi:
www.pdf24.org    Invia articolo in PDF   

Author: Offida.info

https://www.offida.info/alberto-premici-2/