Precipita dal balcone, grave una pensionata di Offida

Elisabetta Rozzi, pensionata di 79 anni, è rimasta gravemente ferita dopo essere precipitata da un balcone del secondo piano di un’abitazione che si trova in corso Serpente Aureo di Offida. Nell’impatto, la donna, vedova e madre di due figlie che gestiscono un’attività della zona molto nota per la produzione di merletto a tombolo, ha riportato diverse lesioni e fratture. Elisabetta Rozzi, sorella di don Vincenzo, ex parroco della cittadina della Vallata scomparso qualche anno fa, è ora ricoverata all’ospedale Mazzoni di Ascoli in prognosi riservata. Il fatto risale all’alba di ieri mattina. La pensionata, per cause ancora al vaglio degli inquirenti, si trovava sul terrazzo di casa quando improvvisamente è caduta sul balcone sottostante.
Sono stati attimi molto concitati. Dopo l’allarme, lanciato da alcuni vicini di casa, sul posto, oltre ad un’ambulanza del 118 con medico a bordo, sono arrivati anche i carabinieri della stazione decentrata di Offida per i consueti rilievi del caso e ascoltare eventuali testimonianze che potessero fra luce sulla vicenda.
Gli inquirenti dovranno ora ricostruire la dinamica dell’incidente capitato alla pensionata. Non è ancora chiaro, infatti, se la donna è precipitata dal terrazzo per un improvviso malore, una distrazione o invece altre cause non ancora accertate dai militari dell’Arma. La notizia dell’accaduto si è rapidamente diffusa in paese dove Elisabetta Rozzi vive con la famiglia da moltissimi anni.
Sono ore di angoscia per i parenti e gli amici che sono subito accorsi all’ospedale Mazzoni per informarsi sulle condizioni di salute della settantanovenne.
Il caso di ieri, capitato alla pensionata offidana, ripropone, almeno in parte, la piaga degli incidenti domestici che, secondo le ultime statistiche, sono in forte aumento anche nel territorio ascolano e spesso riguardano proprio gli anziani, ma anche i bambini e le casalinghe. (Fonte: Corriere Adriatico)

© Copyright - OFFIDA.info
Condividi:

Author: Offida.info

https://www.offida.info/alberto-premici-2/