di Alberto Premici – Un grave fatto delinquenziale ha turbato il Carnevale Storico Offidano, già sotto tono a causa delle restrizioni dovute alla pandemia.

Il Sacro Scrigno (foto di copertina) che custodisce il Divo Ciorpento, antichissima icona fallica della Congrega del Ciorpento, fondata nel 1948, è stato trafugato da ignoti/e ed è scomparso nel nulla.

Sgomento e rabbia tra i congregati riuniti in serata nel tradizionale convivio del lunedì di Carnevale.

A nulla sono serviti gli appelli e la promessa di ricompense a chi potesse dare notizie in merito; il Sacro Scrigno è sparito e non si hanno indizi sugli autori o autrici del furto sacriligo.

Immediata la denuncia presso la locale stazione dei Carabinieri e la segnalazione alla competente Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio, dove il pregiato manufatto è catalogato.

Le ricerche sono in corso e proseguiranno anche in nottata, soprattutto nei luoghi dove, negli ultimi giorni, si sono svolti i propiziatori riti carnascialeschi con la divina icona.

Il responsabile – custode del Sacro Scrigno, Maurizio Franchi, sentito dalle locali autorità, non è stato in grado di dare spiegazioni convincenti sul probabile motivo dell’accaduto ed è attualmente in stato di fermo.

Al momento non sono giunte presso la segreteria della Congrega del Ciorpento, richieste di riscatto o altre segnalazioni che possano placare l’apprensione dei membri dello storico sodalizio offidano che, stante la drammatica situazione, hanno deciso di trascorrere la nottata riuniti in devota astinenza, nella speranza di ricevere buone notizie.

⭕🤡1 marzo 2022, ore 8,15. Offida – Dopo una notte di ricerche è stato individuato e arrestato il responsabile del furto sacrilego, perpetrato ieri ai danni della Congrega del Ciorpento. Il Sacro Scrigno, da 75 anni custode del Divino Ciorpento, è tornato in possesso del sodalizio offidano e posto in luogo sicuro. (nella foto l’autore del folle gesto) 🤡⭕

Print Friendly, PDF & Email
© Copyright - OFFIDA.info