Lotta all’immigrazione clandestina: chiusa una ditta cinese

Nei giorni scorsi il personale della Divisione Amministrativa e dell’Immigrazione della Questura di Ascoli Piceno, nell’ambito delle attività di contrasto all’immigrazione clandestina e del lavoro sommerso ha accertato ad Offida la presenza di un’azienda artigianale di confezioni, gestita da una donna cinese. Quest’ultima impiegava al lavoro numerosi cittadini cinesi tra i quali ne è stato identificato uno, sprovvisto anche del permesso di soggiorno.

La donna è stata denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno per aver favorito la permanenza sul territorio di uno straniero clandestino fornendogli anche alloggio oltre che per averlo impiegato in attività lavorative.

Lo straniero è stato accompagnato in Questura dove è stato tratto in arresto per non aver ottemperato ad un precedente ordine del Questore di Ascoli Piceno di lasciare il territorio nazionale. Dopo la convalida dell’arresto e la sua remissione in libertà, allo stesso è stato notificato un nuovo ordine di lasciare il territorio nazionale. (Fonte: www.ilquotidiano.it)

Copyright © 2018 Offida.info, riproduzione riservata.