“Donacibo”: in una settimana raccolti 175 chili di alimenti

Del tutto lusinghieri i risultati della “Settimana del Donacibo”, iniziativa che nella città di Ascoli si è svolta dall’8 al 13 marzo: quest’anno la scuole cittadine coinvolte sono state cinque, per un totale di diciannove classi (813 alunni), e sono stati raccolti 175 chili di alimenti. Il cibo donato incrementerà la distribuzione di alimenti che l’associazione realizza mensilmente aiutando direttamente oltre cento famiglie, ad Ascoli e nei paesi vicini.

La “Settimana del Donacibo” è una proposta chiara, rivolta a studenti e insegnanti di asili, scuole elementari, medie e superiori in tutta Italia, di raccolta di generi alimentari non deperibili per il sostegno delle famiglie bisognose. Il gesto del “Donacibo” è stato proposto dal Banco di Solidarietà Arca di Ascoli, in collaborazione con il Banco Alimentare Marche, la Federazione Nazionale Banchi di Solidarietà, la Fondazione Carisap e il sostegno del Centro servizi per il volontariato; fondamentale il contributo degli insegnanti delle scuole coinvolte.

Nel 2009 il totale degli alimenti distribuiti ad Ascoli Piceno dall’associazione Banco di solidarietà Arca è stato di 46.878 chili. Si è trattato di cibi freschi (donati da aziende agroalimentari e supermercati locali) che grazie al lavoro dei volontari ed al furgone coibentato – acquistato grazie al contributo della Fondazione Carisap – viene distribuito alle famiglie in situazione di disagio ed ai centri di accoglienza del territorio: in questo modo il cibo che sarebbe destinato ad essere buttato riacquista valore.

<

p align=”justify”>La raccolta dei prodotti freschi e il progetto Donacibo sono due piccoli ma significativi esempi di solidarietà e di impegno sociale che vede coinvolti insieme in unico impegno comune aziende, istituzioni, volontariato, gli insegnanti e soprattutto gli alunni con i loro genitori. (red)

Copyright © 2018 Offida.info, riproduzione riservata.
Condividi:
www.pdf24.org    Invia articolo in PDF   

Author: Offida.info

https://www.offida.info/alberto-premici-2/