Carnevale, Offida in attesa del Gran Giorno

Cronache offidane1893Carnevale ha fatto il suo ingresso trionfale, in quest’anno, con un lusso di geli brillanti e di candido niveo manto che fa piacere e realmente fa molto freddo. Speriamo che l’astro del giorno (ci si permetta la frase poetica) torni far capolino di fra le nuvole per godersi, se non altro, le stupende mascherate che si vanno preparando e la silenziosa Lucina per sorridere ai spensierati e coraggiosi alunni e seguaci di Tersicore. Animo adunque! Ieri nelle sale del Municipio si intrecciarono le prime danze. Affrettatevi adunque, perché il quindici di Febbraio vi attende la polvere e l’oblio. Chi ha tempo non spetti tempo, dice il proverbio.

Nel dì di carnevale, poi, ammiratissimi furono: la tuba del cronista – Lo zelo indefesso nel suonare i piatti di una vaga donna (che poi era un maschio) – Le sbornie dei componenti la mascherata della Croce Rossa, i quali, invece di soccorrere gli ubriachi cadenti, furono, invece, rimorchiati ciascuno da due persone. Alla sera, verso l’Ave Maria, tutti con lo storico Guazzarò andavano in gruppo o a soli, girando, per le vie della città, portando sulle spalle il non meno storico Velurde, che, a loro volta portavano luce… e fumo. Un’ora dopo tutto era finito e nella città la quiete, la calma regnavano di nuovo sovrane. Solo, di tanto in tanto, si udiva il fruscio di una scopa insieme ad una cantilena, che non potei ben comprendere se mesta o allegra. Erano quelli addetti alla nettezza urbana, che fedeli agli ordini ricevuti, compivano la loro funzioni. Infine un amico saluta il fontaniere del comune che ama l’acqua sol perché fa prosperare la vite, e gli dice: “Embè, tu non fa come nu?” – “io sono fedele” – “Ma lu sacce che ti chiame Fedele” – “Ma io sono fedele agli ordini ricevuti dal Sindaco”. Infatti il povero fontaniere aveva ricevuti ordini categorici dal F.F. di Sindaco di star sempre in guardia nel caso che avvenisse qualche incendio. Ma non ve ne fu bisogno. E fu molto meglio. (OPHYS – 22 gennaio 1893)

Copyright © 2018 Offida.info, riproduzione riservata.
Condividi:
www.pdf24.org    Invia articolo in PDF   

Author: Offida.info

https://www.offida.info/alberto-premici-2/