Vai a…
Offida.infosu Google+Offida.info on TumblrRSS Feed

Sostegni UE: Confindustria Ascoli soddisfatta per Piceno


Confindustria Ascoli registra “con soddisfazione” l’inserimento del Piceno nelle zone interessate dalle agevolazioni previste nella “Carta italiana per gli aiuti di Stato” a finalita’ regionale, per il periodo 2007-2013, Carta appena approvata dalla Commissione Europea. In una nota l’associazione segnala “che numerosi comuni della provincia di Ascoli Piceno sono stati ammessi , recependo le sollecitazioni formulate dall’Organizzazione Imprenditoriale”. L’approvazione della carta degli aiuti di Stato, unica per tutta l’Italia, e’ un atto propedeutico dal quale dipende, l’operativita’ di alcune importanti norme di agevolazione, quali ad esempio il credito d’imposta agli investimenti, nonche’ altri aiuti regionali, nelle aree dell’obiettivo Convergenza ammesse alla deroga e nelle aree dell’obiettivo Competitivita’. Per quanto riguarda la Regione Marche le aree sono quelle individuate con deliberazione della Giunta regionale del 13 marzo 2007 n. 186. Nove i Comuni interessati dal provvedimento, per una quota di popolazione di 26.475 unita’: Ascoli Piceno (in parte), Fermo (in parte) Belmonte Piceno, Castignano, Grottazzolina, Montelparo, Rotella , Santa Vittoria in Matenano e Servigliano . La nuova Carta ha anche individuato le zone delle province di Ascoli, Fermo, Macerata e Ancona che fino al 31 dicembre 2008 potranno usufruire delle stesse agevolazioni finanziarie previste in precedenza. L’elenco comprende in totale 21 Comuni, per una popolazione di 120391 abitanti. Si tratta di Acquasanta Terme, Amandola, Appignano del Tronto, Camerino, Castel di Lama, Castelraimondo, Castorano, Colli del Tronto, Comunanza, Esanatoglia, Fabriano, Folignano, Genga, Maltignano, Matelica, Montalto delle Marche, Offida, Roccafluvione, Sassoferrato, Spinetoli, Venarotta). “Le PMI che ricadranno nei territori individuati dalla Carta – spiega Confindustria Ascoli – potranno godere di immediati benefici, in termini di maggiori percentuali di contribuzione (+ 10%), a partire dai prossimi bandi regionali emanati ai sensi del Regolamento 70/2001”. (Fonte: AGI)

Condividi:

Tags: ,