Vai a…
Offida.infosu Google+Offida.info on TumblrRSS Feed

Sequestrati oltre tremila accessori per abbigliamento contraffatti


La Guardia di Finanza di Giulianova nell’espletamento di un servizio volto alla prevenzione ed alla repressione di traffici illeciti lungo le principali direttrici di collegamento della Provincia, la scorsa notte, in Alba Adriatica (TE), ha effettuato un controllo all’interno di un’autovettura guidata dal cinquantaseienne C.M., originario di Offida (AP), ma residente in Spinetoli (AP), per verificare la presenza di materiale eventualmente contraffatto o comunque non a norma secondo le disposizioni comunitarie, a tutela della salute dei consumatori.

All’interno dell’autovettura le Fiamme Gialle hanno rinvenuto in una busta di plastica nr. 240 articoli di bigiotteria recanti il marchio ed il segno distintivo riconducibile al fumetto ‘’HELLO KITTY’’, verosimilmente contraffatto, di probabile fabbricazione cinese, a fronte dei quali non è stato esibito alcun documento fiscale. Le operazioni di controllo, in flagranza di reato, sono state estese presso l’abitazione di C.M. in Spinetoli (AP), all’interno della quale erano stoccati ulteriori 3.063 oggetti di varia natura quali orologi, bracciali, collane, anelli, cappelli riportanti il marchio e/o segno distintivo di vari fumetti e note case di moda ( HELLO KITTY – SPIDERMAN DRAGONBALL Z – PLAY BOY – GUCCI – CHANEL ).

Tutta la merce rinvenuta è stata sottoposta a sequestro ed il responsabile è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Teramo e di Ascoli Piceno per violazione all’art. 474 del C.P. (introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi).

Le indagini ancora in corso, sono orientate ad individuare i canali di approvvigionamento della merce e ad accertare eventuali responsabilità di altri soggetti.

La Guardia di Finanza, secondo il decreto legislativo 68/2001, nel settore Mercato dei Beni e Servizi, ha la missione istituzionale di contrastare la contraffazione e l’immissione in commercio di prodotti non conformi agli standards di sicurezza internazionali. Il fiorente mercato di prodotti contraffatti turba, infatti, il normale andamento del mercato concorrenziale, sottrae un importante gettito fiscale all’erario e in alcuni casi non rispetta la tutela della sicurezza. Altro particolare da tenere in considerazione è il fatto che chi vende al dettaglio questi prodotti rappresenta, purtroppo, l’avamposto sul territorio di quei gruppi criminali che ottengono i veri introiti economici negli anelli più alti della filiera. (fonte: www.teramonews.com )

Condividi:

Tags: ,