Vai a…
Offida infosu Google+Offida info on TumblrRSS Feed

S.Antonie a lu deserte (canzone popolare abruzzese)


Buona sera cari amici tutte quante le cristiane

questa sera v’aggiu a dice della festa de dimane
che dimane è Sant’Antonio lu nemice de lu dimonio
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice de lu dimonio.

Li parenti e Sant’Antonio una moglie gli vogliono dare
ma lui non ne vuol sapere, nel diserte si fa mandare
pe n’avè la siccatura de sta a fà una criatura
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice de lu dimonie.

Sant’Antonio allu diserte s’appicciava ‘na sicarette
Satanasse pe’ dispiette glie freghette l’allumette
Sant’Antonio nun se la prende cun lu prospere se l’accende
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice dellu dimonie.

Sant’Antonio allu diserte se faceva la permanente
Satanasse le’ dispiette glie freghette la corrente
Sant’Antonio non s’impiccia, con le dita se l’arriccia
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice de lu dimonie.

Sant’Antonio allu diserte se cuciva li pantalune
Satanasse pe’ dispiette glie freghette li buttune
Sant’Antonio se ne treghe cun lu spaghe se li lega.
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice dellu demonie.

Sant’Antonio allu diserte cucinava gli spaghette
Satanasse pe’ dispiette glie freghette le furchette
Sant’Antonio nun se lagna cun le mani se le magna
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice dellu dimonie.

Sant’Antonio allu diserte se lavava l’insalata
Satanasse pe’ dispiette glie tirette na sassata
Sant’Antonio lo prese pel collo e lo mise col culo a mollo
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice dellu dimonie.

Sant’Antonio allu diserte se diceva le oraziune
Satanasse pe’ dispiette gli fa il verso dellu trumbune
Sant’Antonio col curtellone gli corre appresso e lo fa cappone
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice de lu dimonie.

Vi saluto care amice lu signore ve benedice
e fa cresce lu patrimonio cun le grazie e Sant’Antonio
ca dimane Sant’Antonio lu nemice dellu dimonie
Sant’Antonio Sant’Antonio lu nemice dellu dimonie.


S. Antonio, santo delle tentazioni, ebbe i natali in Egitto, proprio sulle rive del Nilo e fino a venti anni condusse una vita innocente. Rimasto orfano e sentito prepotente il richiamo evangelico, si rifugiò in errante penitenza fino a ritirarsi in un deserto inospitale, sulle rive nel Mar Rosso, per vivere da asceta. Vi restò per più di ottanta anni fino alla morte, avvenuta quando era più che secolare, nel 356. Indicato col nome Deicolo (innamorato di Dio) fu l’Abate (il padre degli eremiti) e S. Atanasio, grande Patriarca di Alessandria, lo definì “fondatore dell’ascetismo”. La festa di S. Antonio si celebrava già a Gerusalemme nel V secolo, mentre la tradizione indica il giorno 17 la data della sua morte che segna la sua “nascita celeste”. Anche a Roma nel XII secolo venne introdotta tale data per la ricorrenza festiva e fu così che S. Antonio, detto il Grande, divenne il Santo più popolare del Medioevo, più ricordato nelle leggende e nel folclore popolare, il santo più dipinto dagli artisti. Non sempre le lotte contro il demonio furono senza fatica per il Santo Abate.
Anzi narrano le storie che il santo, dopo aver superato una delle più ardue tentazioni demoniali, invocando Gesù disse: “Dove eri Tu? Perché non mi hai aiutato?” E Gesù gli rispose: “Ero qui ed aspettavo di vedere la fine di una battaglia. Poiché hai combattuto e vinto con franchezza, sarai sempre ricordato per il mondo intero”.

Sant’Antonio è il protettore degli animali e specificatamente del maiale. Una leggenda racconta che il Santo davanti al palazzo regale di Barcellona guarì un porcellino zoppo. Altra tradizione è quella di accendere i fuochi la sera che precede la festa. L’usanza assume  un valore purificatorio (bruciando quanto di negativo vi è stato nell’anno precedente) e propiziatorio (fornendo ai campi e alle piante luce e calore in vista della primavera).

 

Condividi:

Tags: