Vai a…
Offida.infosu Google+Offida.info on TumblrRSS Feed

Marche, Regionali 2010: come si vota


Domenica 28 e lunedì 29 marzo si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale delle Marche. L’elezione del presidente avviene con il sistema maggioritario e vince quindi il candidato che prende più voti. Il consiglio regionale, invece, si elegge con un sistema misto: per l’80% proporzionale, per il restante 20% con il sistema maggioritario (i cosiddetti "listini" regionali il cui capolista è il candidato presidente).

Il voto si esprime tracciando un segno sul nome del candidato prescelto alla presidenza della Regione. L’elezione è diretta: non è previsto, dunque, il ballottaggio.

L’elettore può esprimere un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere regionale, scrivendo nell’apposita riga tracciata sulla destra del contrassegno il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome).

Le liste che non ottengono almeno il 3% dei voti non prendono alcun seggio, a meno che non siano collegate con un candidato presidente che ha ottenuto almeno il 5% dei consensi.

La coalizione che vince ottiene l’elezione al consiglio regionale di tutti i candidati presenti nel listino. Ma sono previste due eccezioni: se una coalizione raggiunge o supera il 50% dei voti viene eletta la metà dei candidati presenti nel listino regionale (il resto è distribuito alle altre liste, in modo proporzionale). Se invece una coalizione vince con meno del 40%, oltre alla totalità del listino ottiene dei consiglieri extra (premio di maggioranza), fino ad arrivare al 55% dei consiglieri. Questo per consentire la governabilità.

Le modalità di espressione del voto di cui sopra si applicano alle Regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Umbria, Lazio e Basilicata. Per quanto riguarda, invece, le Regioni Toscana, Campania, Puglia e Calabria e Marche, le modalità di voto sono disciplinate dalle rispettive leggi regionali. Nelle Marche non è ammesso il voto disgiunto, la possibilità cioè che l’elettore possa votare una lista e un candidato presidente che non sia ad essa collegato.

lo speciale del Ministero dell’Interno

lo speciale ANSA

Elezioni Regionali 2010 – MARCHE – scrutinio in diretta

Condividi: