Vai a…
Offida.infosu Google+Offida.info on TumblrRSS Feed

L’offidano Scipioni fondatore e presidente dell’associazione “Memoria Bellica degli Italiani nel Mondo”


Joselito ScipioniNasce l’associazione culturale "Memoria Bellica degli Italiani nel Mondo", con sede a Barbara. A costituirla, Scipioni Joselito, progettista e presidente dell’associazione, che vuole conferire le medaglie al merito di guerra a quei reduci combattenti emigrati in altre nazioni del mondo dopo la partecipazione e fine del secondo conflitto mondiale, ivi compresi coloro che sono rimasti in patria. Lo scopo dell’associazione è prettamente culturale e fortemente legato al periodo bellico del secondo conflitto mondiale. Oltre agli obiettivi primari, già citati, essa si propone di: mantenere e diffondere il culto dell’ideale della patria all’estero, conservare ed incrementare le glorie e le tradizioni dei reduci combattenti emigrati, conservandone la memoria promuovere attività culturali a beneficio delle federazioni degli italiani all’estero, raccogliere e raggruppare in un unico organismo tutti qui reduci combattenti, loro vedove, eredi, figli o semplici simpatizzanti, che dopo aver partecipato al secondo conflitto mondiale, sono emigrati in altre nazioni del mondo. L’associazione si ispirerà alle attività già svolte dal presidente Scipioni in varie zone marchigiane. Molte le attività in programma per l’associazione neo costituita per i prossimi mesi, in previsione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia.
Nel calendario dell’associazione, ci saranno cerimonie di consegna di onorificenze, ed attività culturali, per i comuni di Chiaravalle, Offida, e Barchi. L’associazione inoltre, ha lavorato per gli emigrati all’estero, infatti, la prima delle tante mete cerimoniali sarà il Belgio, dove Scipioni, con la sua associazione, accompagnato da alcune associazioni combattentistiche e d’arma, volerà in Belgio per consegnare le onorificenze al merito di guerra ad alcuni combattenti reduci emigrati. Scipioni si augura anche che il Belgio sia l’inizio di una lunga serie e che altre federazioni di italiani emigrati, adottino il progetto di Scipioni per la consegna onorificenze ai reduci combattenti emigranti dopo il secondo conflitto mondiale. Il presidente Scipioni non nasconde la speranza che il progetto trovi dei finanziatori, in modo che le attività dell’associazione in previsione abbiano sempre una continuità. (red)

Condividi:

Tags: