Vai a…
Offida.infosu Google+Offida.info on TumblrRSS Feed

Il miglior sommelier è il fermano Concetti


Il miglior sommelier delle Marche anno 2009 è Roberto Concetti di Fermo, risultato primo assoluto al “Concorso miglior sommelier delle Marche” indetto dall’Ais Marche nell’ambito della 18^ edizione di “Di vino in vino”. Il concorso, tenutosi presso il salone dell’Enoteca Regionale di Offida Lunedì scorso, ha visto la partecipazione di numerosi concorrenti provenienti da diversi centri della Regione. Impegnative le prove da affrontare. In quella teorica i concorrenti hanno dovuto rispondere a 30 domande poste su un questionario. Ne riportiamo alcune: quante e quali sono in Piemonte le Doc e le Docg a base di Nebbiolo? Quali sono le Doc di Lambrusco di Modena? Il vitigno Pecorino si produce solo nelle Marche o anche in altre Regioni? Che cos’è il Southern Comfort? Il Pinotage è un vino bianco australiano? E così via. C’è stata poi la prova pratica dove i concorrenti hanno dovuto dare dimostrazione di come servire e dare spiegazioni sulle degustazioni a due ospiti (uno di questi era Raffaele Bucciarelli, presidente dell’assemblea legislativa delle Marche) seduti al tavolo. La qualificata giuria composta da Marianna Galanti, membro del Consiglio nazionale Ais; Otello Renzi, presidente Ais Marche; Claudio Giacomini, vice presidente Ais Marche; Peppe Ercoli, giornalista; Matteo Magnapane, vincitore dell’edizione 2008 più i due ospiti, ha decretato, al termine della competizione, vincitore il fermano Roberto Concetti. Al secondo e terzo posto si sono classificati, rispettivamente, Alfredo Pirchio e Tonino Bellini entrambi di Macerata. E così, con la Cena di Gala a base di piatti tipici ottimamente preparati dallo chef Daniele Citeroni dell’Osteria “Ophis”, si è conclusa, alla grande, l’edizione 2009 di “Di Vino in Vino”, affermatasi, anno dopo anno, come una delle più importanti iniziative enologiche del panorama nazionale. E anche quest’anno, tirando le somme, può dichiararsi ben soddisfatto il presidente della Vinea Ido Perozzi nel constatare come Offida sia diventata, ormai, un punto di riferimento per appassionati ed operatori che vogliono approfondire le conoscenze sul mondo del vino piceno. (Fonte: Corriere Adriatico)

Condividi:

Tags: ,