Vai a…
Offida.infosu Google+Offida.info on TumblrRSS Feed

Dopo il fuoco ancora silenzio. E Celani va da Spacca


incendi-ascoli.jpgSi sta aspettando il decreto ministeriale che dovrebbe avviare le pratiche per il risarcimento dei danni provocati dagli incendi nel territorio piceno, e il primo cittadino: “Attendiamo con ansia notizie. Per questo abbiamo deciso di chiedere un incontro con il presidente della Regione”

Dopo il fuoco, il silenzio. Ancora nessun segnale da parte delle alte sfere dello Stato riguardo il decreto ministeriale che dovrebbe avviare le pratiche per il risarcimento dei danni provocati dagli incendi nel territorio piceno. Ieri mattina, il sindaco Piero Celani ha chiesto al presidente della Regione Gianmario Spacca un incontro (assieme anche agli altri sindaci dei Comuni colpiti dal disastro ambientale) per capire il perché dei ritardi e sollecitare un intervento rapido. “Martedì scorso – spiega il primo cittadino – c’è stata una riunione a Roccafluvione con i colleghi proprio sulla questione. Attendiamo con ansia notizie, che tuttavia tardano ad arrivare. Per questo abbiamo deciso di sollecitare anche il presidente della Giunta regionale”. Intanto, all’Arengo, piovono le relazioni con le stime dei danni da parte dei cittadini. “Le ultime due giorni fa – continua Celani -, con tanto di fotografie. Riguardavano alcune cappelline del camposanto, danneggiate durante l’incendio di Monterocco”. “Forse lunedì si saprà qualcosa – la risposta del responsabile locale della Protezione Civile Dante Merlonghi – perché il decreto che stiamo aspettando non è relativo solo alla nostra regione, ma riguarderà anche tutte le altre parti d’Italia colpite dal disastro. Il problema – continua – è che molte di queste amministrazioni ancora non hanno presentato alcuna documentazione e dunque si lavora a rilento”. In città, invece, già da subito ci si è attivati per rendere più rapide possibile le operazioni, in attesa del commissario che dovrà fare il punto della situazione. Per ottenere i risarcimenti è necessario presentare in Comune una stima dettagliata di tutti i danni subiti, con spiegazioni precise e fotografie. (Fonte: Il Resto del Carlino – Autrice: Nicoletta Tempera)

Condividi:

Tags: