Vai a…
Offida infosu Google+Offida info on TumblrRSS Feed

43MO PARALLELO: “STUDIO APPROSSIMATIVO”, DICE CIRCOLO GROTTAMMARESI


Alle recenti pubblicazioni sugli studi effettuati dall’ascolano Pietro Nardi, risponde il Circolo dei Grottammaresi: “Intendo ricordare – afferma Giuseppe Mascaretti a nome dell’associazione – che i paralleli e quindi il 43mo è una circonferenza immaginaria che perpendicolarmente all’asse terrestre attraversa tutti i punti del globo e quindi anche il territorio di Ripatransone, Amandola, Bolognola, Spello (PG), Bettona (PG) ecc. sino a Populonia (LI), non è un’esclusiva particolarità del territorio di Grottammare. Dunque, – prosegue Mascaretti – senza crocifiggere gli studi di Nardi, il nostro circolo che vanta anche ex militari tra i suoi associati, sottolinea semplicemente le stime ufficiali redatte proprio dall’Istituto Geografco Militare nella carta del 1953 dove vi sarebbero contenuti i dati sui punti di passaggio dei paralleli, condivise a livello mondiale anche dalla NASA. “Inoltre le antiche carte del ‘200 e del ‘600 di cui si è servito Nardi per avvalorare le sue tesi scientifiche sono sicuramente poco attendibili poiché risalenti a periodi storici molto remoti e documenti approssimativi. Oltre all’inesattezza cartografica che regnava nel mondo antico, è bene ricordare che nel XIII e nel XIV secolo le uniche carte abbastanza precise erano quelle nautiche, prive però dei meridiani e paralleli, introdotti solo in epoca tarda; ricordiamo inoltre allo studioso della Diocesi di Ascoli che nei secoli passati la cittadina di Grottammare veniva identificata con l’antica Cupra Maritima romana, e che quindi logicamente il 43mo parallelo passasse a nord di questa, cioè dove è oggi. Il Circolo dei Grottammaresi invita dunque il dr. Pietro Nardi a chiarire meglio le proprie deduzioni avvalendosi di “prove più concrete”, poiche’ la comunita’ e’ dispiaciuta di tesi che di tanto in tanto vengono messe alla ribalta come “Sisto V non è nato a Grottammare ma a Montalto, il tempio della dea Cupra non è Grottammare ma a Cupramarittima, parte del territorio di Grottammare-Ischia sarebbe appartenuto un tempo al Comune di San Benedetto del Tronto, oppure che la Sacra Giubilare di Grottammare è una festa recente, e così via”. (red)

Condividi: